Archivio

Archivio per la categoria ‘Società’

Un ever green del Signor B

18 Marzo 2008 Commenti chiusi

Sempre lui, sempre uguale, come tutto l’altro del resto, ma lui ci è particolarmente simpatico, sarà per l’età… lui è quello che si smentisce da solo senza che nessuno faccia niente, insomma Lui. Oggi sono banale. Lui, quello che dice almeno una volta alla settimana:

Prosegui la lettura…

Ciarrapico

13 Marzo 2008 1 commento

-Dobbiamo allora tornare a parlare dei comunisti?-

Prosegui la lettura…

Libreria Hassan presenta L’8 marzo

8 Marzo 2008 Commenti chiusi
Categorie:Società Tag: , , , ,

Due parole su Corona

4 Marzo 2008 Commenti chiusi

Il fotografo Corona rappresenta al meglio un certo tipo di italiano rincoglionito. È il figlio perfetto di quella parte della società alla deriva, che vede, tra l’altro, nell’arroganza dell’arrivismo a tutti i costi uno dei suoi cavalli di battaglia. È il figlio che farebbe di tutto pur di apparire, pur di ottenere la grana facile e una bella vita, il figlio di una certa tendenza che tra veline e calciatori, tornisti e sfide di canto e ballo, è stato plagiato soprattutto a causa della sua scarsa intelligenza. Corona non è una volpe: i suoi sistemi truffaldini per arricchirsi sembrano pensati e realizzati da un bambino di otto anni un po’ tonto. Corona non sa minimamente di non possedere le qualità dell’uomo d’affari né quelle dell’uomo truffa. In questo senso è da compatire.

Categorie:Società Tag: ,

Berlusconi indagato per corruzione

12 Dicembre 2007 2 commenti

Berlusconi indagato per corruzione.

Prosegui la lettura…

Qualche dichiarazione sul V-Day

10 Settembre 2007 Commenti chiusi

Ecco qualche dichiarazione sul V-Day che Beppe Grillo ha organizzato in tutte le principali città italiane sabato 8 settembre. Cominciamo dal ministro Antonio Di Pietro che si è ritenuto «orgoglioso della riuscita di questa operazione» e adesso pensa ad un «disegno di legge che mette con le spalle al muro il Parlamento». Gianfranco Fini (nel suo partito, AN, ci sono Domenico Nania condannato per lesioni volontarie personali e Marcello De Angelis Condannato a 5 anni per banda armata ed associazione sovversiva in quanto personaggio di punta del gruppo neofascista Terza Posizione) invece ha detto che «Il rigetto è alimentato dal rifiuto al governo percepito come restauratore», aggiunge poi «Grillo dà voce ad una indignazione che c’è nel paese nei confronti della partitocrazia, della politica e delle istituzioni». Fini conclude dicendo che Grillo «la spara grossa» quando chiede il limite dei due mandati e la cacciata dal parlamento di condannati e inquisiti.

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag:

Il mio papà sa tutto di Wendell Jamieson

5 Settembre 2007 3 commenti

-Pàpa, prima ti ricordi che volevo dirti una cosa ma tu avevi da fare e mi hai detto dimmela dopo? Adesso questa cosa che volevo dirti non me la ricordo più.

Prosegui la lettura…

Categorie:Società Tag: , , ,

Miracoli in una chiesa di L’Aquila

18 Giugno 2007 2 commenti

La serie di miracoli nella chiesa di San Felice a L?Aquila continua a far discutere.
Tutto è iniziato giovedì scorso durante la messa delle 07.00. Mentre le solite vecchiette pregavano, un furfante travestito da fedele si è avvicinato a certi candelabri arrugginiti con l?intenzione di rubarli. Non poteva sapere il delinquente che la statua di San Giuseppe vicina ai candelabri si era accorta di tutto. Non appena il farabutto ne prende possesso, la statua inizia a rincorrerlo per tutta la chiesa fino fuori per strada dove riesce a bloccarlo grazie a uno splendido placcaggio detto ?francesina?.
Di stucco tutti i presenti alcuni dei quali dicono di aver visto il momento esatto in cui la statua con un balzo, definito da tutti angelico, scendeva dalla sua base.
Dopo aver catturato il criminale, la scultura come se niente fosse è tornata sul suo piedistallo accompagnata dagli applausi dei passanti e dalla venerazione dei fedeli ( il bilancio è di sei ginocchia fratturate).
Dopo questo miracolo la statua non è più scesa dalla sua postazione.
Eppure qualche altro fatto straordinario c?è stato: il miracolo dello sputo.
Un ragazzino accende una candela (i lumini sono stati messi al posto dei candelabri) e va via senza lasciare i soldi dell?offerta. La statua del Santo senza scendere gli sputa in faccia. Il ragazzino corre dalla nonna che gli dà due sganassoni.
Intanto il parroco della chiesa, padre Adidas, ha informato il vescovo della città sui fatti. Lo sputo, che si trova ancora sulla faccia del bambino, sarà analizzato.
Riferimenti: Leggi la notizia vera

Hai problemi con il bere?

29 Maggio 2007 5 commenti


Questo libretto «Alcol: più sai, meno rischi!» dell?Assessorato alla Sanità della regione Abruzzo mi è stato segnalato da un amico. All?interno c?è un test chiamato «Hai problemi con il bere?». La mia parte cinica ha voluto rispondere così.

1° Hai mai sentito la necessità di ridurre il bere?
[Cavolo, se rispondo di no penserà che sono un alcolizzato cronico, uno di quelli che non accetta il fatto di essere schiavo dei bicchieri. Ma se rispondo sì do la risposta che mi marchia come alcolizzato senza?come dire? Senza troppi giri di parole. Hai mai sentito la necessità di ridurre il bere? Sì Allora sono un alcolizzato coscienzioso. Qualcosa devo rispondere. Stanno aspettando. Mi guardano tutti. Sto iniziando a sudare.]
Dipende
Uno dello staff medico: Si può rispondere solo sì o no.
Sì e no
Un altro dello staff medico: Sì O no, allora?
[Un momento, se rispondo no può essere anche perché non ho effettivamente bisogno di ridurre il bere. Lo so lo so che questo è il classico discorso che fa chi è alcolizzato. Basta essere convincenti. Non lasciar trapelare tutti questi pensieri, rispondere ?no? e sorridere]
No

2° Sei mai stato infastidito da critiche sul tuo modo di bere?
[Parlano del passato o del presente? Mi ricordo di quando lavoravo per il luna park e facevo quel numero, che piaceva tanto ai bambini, di bere un litro d?acqua con il culo in meno di dieci secondi. La Chiesa mi ha rotto le palle in più di occasione per questo. A pensarci bene la cosa ha dato più fastidio a loro, alla Chiesa, che a me. Ma qui devo rispondere velocemente. Perché mi guardano tutti impazienti? Che tra l?altro per colpa di quel numero che facevo al luna park mi hanno scomunicato e non ho potuto sposarmi in chiesa con Lorena la donna che lanciava palline da ping pong con la vagina. Mi ricordo anche di quella volta che per fare il buffone ho tracannato di seguito tre anzi quattro bicchieri diversi: uno era di birra, l?altro di vino, il terzo era di rhum e il quarto di?di liquore di anice anche detto SAMBUCA dopo di che ho fumato un paio, forse tre, tiri di canna uno dietro l?altro, il così detto trenino. Ho collassato dopo mezz?ora che ho passato a vomitare. Tutto perché un tizio invidioso ha iniziato a dire che era un indecenza. Il tizio lo conosco e me lo ricordo bene fare gare simili alla cantina del Boss. Quindi cazzo]

3° Hai mai provato disagio o senso di colpa per il tuo modo di bere?
[Questa è uguale a quell?altra più o meno. La donna che lanciava le palline l'amavo. Aveva delle qualità veramente?ma lasciamo perdere. Lei è scappata dopo che ho ricevuto la scomunica. È tornata a casa dai suoi genitori in Alaska. E quando mi ricapita una così? E poi tutte le volte che con qualche compagno di sbronze mi faccio una bevuta in qualche parco pubblico c?è sempre qualcuno che fa no con la testa. Non che me ne freghi qualcosa infatti]
No
[Cazzo mi sono contraddetto ormai è tardi. L?ho detto ad alta voce]

4° Hai mai bevuto alcolici appena alzato?
[Quella volta mi ero svegliato proprio tardi per via di una serata alcolica della notte prima. Che ora era? Saranno state le tre o le quattro del pomeriggio. Mi girava la testa in un modo che levati. Però mi sono ricordato che da qualche parte avevo sentito dire che il miglior modo per farsi passare una sbronza è di farsi un bicchierino, senza esagerare però, uguale a quello che hai bevuto la sera prima. Quello che avevo bevuto la sera prima a casa non ce l?avevo così ho aperto il frigorifero e ho stappato una birra. Era estate faceva caldo e la birretta me la sono scolata. Capita]

1 risposta negativa = sospetto
1 risposta negativa alla 4° domanda = alta probabilità
2 risposte negative = alta probabilità
3 risposte negative = certezza

Per la cronaca: sia adesso che quando ho fatto il test seriamente è uscito fuori alta probabilità.

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

Il paese perfetto per gli estrosi del crimine

10 Maggio 2007 Commenti chiusi

In un paese come l?Italia dove tutto è alla rovescia ci si sente autorizzati in qualche maniera a commettere qualunque tipo di crimine perché i fatti dimostrano che in giro ci sono un sacco di fuorilegge. Grazie al complicato intreccio burocratico, in Italia se sei colpevole o un presunto tale è possibile farla franca in tanti di quei modi che sono una vera goduria per chi in un modo o nell?altro è affascinato dal male.
Grazie, si diceva, a un sistema burocratico ingarbugliato che rende i processi lunghissimi (ne ha parlato domenica passata la trasmissione di Rai Tre ?Report?) e le attese per ottenere ad esempio un permesso snervanti, ci si sente quasi autorizzati alla truffa come può essere far sparire del denaro o fare una rapina in banca.
Il sistema giudiziario sembra volerti sorprendere in tutti i modi, vedi l?indulto vera e propria mossa spiazzante che ha fatto più guai che altro, almeno sentendo e leggendo la maggior parte di quello che passa il convento dell?informazione in Italia.
Con questo non voglio spronare nessuno a commettere qualche sciocchezza. Perché non vale per tutti il discorso di cui sopra. Se sei un perfetto sconosciuto che per fame ruba la classica mela ti rovini la vita. Se sei il proprietario di un?azienda e dai conti risulta che mancano 2 milioni di euro è possibilissimo che non ti facciano niente rispetto a quello che hai fatto. Qualcuno ha pensato addirittura di depenalizzare il falso in bilancio. In Italia è successo. Ogni tanto lo dimentico. Se comunque ti dice male e ti beccano, a causa della solita vecchia e lenta burocrazia hai tutto il tempo di decidere che fare.
1) Puoi decidere di scappare. Lo so è da vigliacchi. Tu devi dire in questo caso che vai via perché non puoi rimanere. Funziona. Ma nell?inferno dei vigliacchi incontri gente come Craxi e sono tutti in attesa dell?infarto per abusi sessuali di Gaucci. E non nascondo una certa invidia.
2) Puoi rimanere in città e insabbiare le prove, oppure puoi corrompere il giudice. Qualcuno poi ha avuto un?idea geniale: se il giudice non lo riesci a corrompere o non ti sta simpatico puoi anche cambiare tribunale. Tanto di cappello ad idee innovative come questa.
3) Mentre pensi alla tua strategia puoi anche dichiararti un perseguitato. Piangere un po?. Tirare fuori l?attore melodrammatico che c?è in te. La gente ci cascherà in pieno quando per quel processo sarai scagionato da tutte le accuse. Ricordati però di pagare più testate giornalistiche possibili affinché tacciano su tutti gli altri processi che hai in corso.
4) Giunti al processo puoi decidere anche di non andarci. Lo so che non è educato perché aspettano tutti te. O dio non lo so, arrivare tardi in certi ambienti dicono che faccia molto chic, magari non andare per niente a un chiamiamolo appuntamento fa addirittura cool. Se decisi coraggiosamente di andare puoi avvalerti della facoltà di non rispondere. Parlerà per te il tuo avvocato e la tua mefistofelica influenza.

Questo ribadisco se sei qualcuno che conta. Se sei un perfetto sconosciuto, vale a dire un ladro occasionale o della circostanza, buttano la chiave. Peccato non essere un truffaldino di professione perché ne avrei di truffe da attuare. Ho in mente da un po? di tempo per esempio un bel porto marino ad Aosta. Perfetto. Tocca solo essere qualcuno e trovare il pollo. Magari in un’altra vita.
A parte che se sei qualcuno il pollo non è che lo trovi, te lo portano direttamente.