Home > Cinema > Ma con chi parli?

Ma con chi parli?

9 Gennaio 2008

Eppure quanto ci scommetti che domani, esci vai al solito fruttivendolo a prendere la tua solita mela e chi passerà per di lì? Non esserne così sicuro. Voglio fantasticare, capisci? Pensare che entra nel fruttivendolo per comprare una mela, magari… non lo so. E se accadesse che diresti eh? Che direi, salve, bella giornata. Fai cadere un po’ di frutta, magari. Non sono un idiota. Te lo dico io cosa faresti se domani andasse veramente come dici tu, faresti scena muta e neanche potresti far cadere qualcosa perché resteresti di marmo… insomma, un successone.

Ro, si può sapere con chi diavolo parli? Non sto parlando con te, sono impegnato a parlare da solo. A va bene, basta saperlo. E adesso ho perso il filo del discorso, ah sì, che domani passa la tipa. A perché è una tipa? Ma perché non si era capito? Hai fatto il vago come tuo solito, dipende… per te tutto dipende, ma come ti ha preso questa fissa, tanto per sapere. Per cosa? La fissa per questa tipa. Una serie di sguardi che ci siamo lanciati. Ma tu non è che con questa ci vuoi fare a botte? Ironia allo stato brado, diciamo così, dove c’è fissa non c’è ragione. Pure filosofo. Puro filosofo. Puro modesto. Pure modesto, ignorante. Per il resto domani se tu non mi rompi le palle, anzi no, domani tu resti a casa. Costringimi. L’ho già fatto. Sei un bastardo. Domani sfodero il sorriso magico. Dai per scontato che passa. Se, se per caso. Lasciati andare. Come posso? Allora lasciami stare. Fai come tutti allora, drogati. La tua ironia è sempre più acida ed è questo il tuo problema, io non ti giudico, tu hai diritto di fare la tua vita ma non puoi importi così prepotentemente, certo è grazie a te se non avvengono molti omicidi, stupri e via dicendo, ma non puoi mica per questo esagerare in questo modo violando spesso la stessa privacy. È il mio carattere. Tu ti insinui, anzi tu invadi. Mi stai dicendo che sono una specie di Bush? Esattamente sei un invasore, e tra l’altro smettila con la politica, alle donne gli frega un cazzo della politica incerte situazioni.

 

Direttamente dalla corteccia cerebrale di Wilson Viola.

Categorie:Cinema Tag:
  1. 19 Gennaio 2008 a 14:09 | #1

    mmmm, interessante!!!

    pazzo!

I commenti sono chiusi.